PROGETTO CLIL ERASMUS PLUS “ DU TABLEAU Á L’ASSIETTE : VOYAGE CULINAIRE DANS L’ART SURREALISTE “ 5AP-5BP

PROGETTO CLIL ERASMUS PLUS “ DU TABLEAU Á L’ASSIETTE : VOYAGE CULINAIRE DANS L’ART SURREALISTE “ 5AP-5BP

Il giorno 21 febbraio gli studenti della classe 5A pasticceria hanno presentato le loro torte isirate all’arte surrealista ai professori partecipanti al progetto che , oltre a valutare le realizzazioni dal punto di vista gastronomico,  hanno anche giudicato l’attinenza con il tema proposto.

Il progetto nasce dall’idea di un modulo CLIL  ( Apprendimento integrato di lingua e contenuto) in lingua francese ispirato all’arte surrealista e in particolare a Magritte di cui in questi mesi erano in mostra diverse opere a Palazzo blu.

Titolo del progetto “ DU TABLEAU Á L’ASSIETTE : VOYAGE CULINAIRE DANS L’ART SURREALISTE “.

Guidati dagli insegnanti prof Panattoni di francese, Cravero di pasticceria, Pugliese di italiano, Farano di arte, gli studenti hanno potuto approfondire le tematiche surrealiste per realizzare, infine , dei dolci con riferimento a un quadro o un tema che più li aveva colpiti.

Le opere presentate sono andate ben oltre le aspettative rivelando talenti artistici  sorprendenti e capacità realizzative eccellenti stupendo persino la commissione.

L’esperienza sarà  effettuata nuovamente  giorno 07/03/2019 dalla classe VB Pasticceria

Il giorno 7 marzo anche gli studenti della classe 5B pasticceria si sono cimentati con l’arte surrealista presentando le loro  realizzazioni di pasticceria ai professori partecipanti al progetto : prof Panattoni di francese, prof. Merola di pasticceria, prof. Fonte di arte, prof. Mazzei di italiano, prof. Bonsangue di inglese.

Il progetto CLIL  ( Apprendimento integrato di lingua e contenuto) in lingua francese si è ispirato all’arte surrealista e in particolare a Magritte di cui in questi mesi erano in mostra diverse opere a Palazzo blu.

Titolo del progetto “ DU TABLEAU Á L’ASSIETTE : VOYAGE CULINAIRE DANS L’ART SURREALISTE “.

Gli studenti hanno approfondito le tematiche surrealiste per realizzare dei dolci con riferimento a un quadro o un tema che più li aveva colpiti e sull’attinenza al soggetto oltre che sulla preparazione dolciaria sono stati valutati.

I dolci presentati sono stati tutti originali e molto apprezzati dalla commissione dimostrando ancora una volta che la fantasia unita alle capacità può dare ottimi risultati . Complimenti a tutti gli studenti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerimonia per le Certificazioni Cambridge al Matteotti!

Cerimonia per le Certificazioni Cambridge al Matteotti!

Giovedì 5 ottobre 2018, nell’aula Magna del nostro Istituto, si è svolta la
Cerimonia per la consegna delle Certificazioni Cambridge livello B1 della
lingua Inglese.
I corsi, tenuti da insegnanti madrelingua, si sono svolti durante l’ anno sia al
mattino, nell’ambito del progetto” Alternanza scuola-lavoro”,sia al pomeriggio
per tutti coloro che hanno voluto cogliere questa importante opportunità. Gli
studenti e anche alcuni docenti dell’istituto, dopo aver sostenuto l’esame
finale, hanno visto riconosciuto il loro impegno conseguendo la Certificazione
valida a livello Internazionale.
Le insegnanti Girardi e Vannucci che hanno accompagnato i ragazzi durante
il loro percorso si sono congratulate con tutti gli studenti e con i colleghi per il
loro successo. Un ringraziamento ai colleghi Fenu e Gaeta presenti alla
cerimonia.

 

Michele Pignotti della 4 alberghiero serale vince borsa di studio

Michele Pignotti della 4 alberghiero serale vince borsa di studio

L’alunno Michele Pignotti della 4 alberghiero serale si è aggiudicato una borsa di studio del valore di 2000 euro, messa in palio dal Rotaract in associazione con la scuola Tessieri e l’accademia di cucina.

La premiazione del concorso si è tenuto il 12 giugno, a cura del prof. Vattiata dell’IPSAR Matteotti.

Complimenti al vincitore

La III pasticceria A dell’IPSAR Matteotti “Miglior Team” nella competizione regionale “Students lab -LIIT”

La III pasticceria A dell’IPSAR Matteotti “Miglior Team” nella competizione regionale “Students lab -LIIT”
La III pasticceria A dell’IPSAR Matteotti “Miglior Team” nella competizione regionale “Students lab -LIIT”
Il 7 Giugno 2018, presso il centro polifunzionale di Novoli (FI), ha avuto luogo la competizione
finale del progetto “Students lab -LIIT” al quale ha partecipato la III pasticceria A dell’IPSAR
Matteotti di Pisa. La classe, che ha seguito per l’intero anno scolastico un corso con formatore
esterno, per un totale di 40 ore, ha sviluppato un progetto di simulazione d’impresa con
l’elaborazione di un business plan e di un prodotto di pasticceria originale, che valorizzasse le
materie prime del territorio. Le “Dolci lettere”, uno snack mordido dal cuore croccante di riso
soffiato e cioccolato, a forma di lettera d’alfabeto, realizzato con farine di antichi grani locali, ha
convinto la giuria che ha premiato il lavoro e l’impegno di questi futuri pasticceri. Sfidando altre
scuole della Toscana la III pasticceria A si è classificata prima aggiudicandosi il titolo di “Miglior
Team” con l’accesso diretto alla selezione nazionale che si terrà ad Ottobre.
Complimenti ai ragazzi che si sono distinti per impegno e professionalità, e grazie ai docenti
Lucassino e Cravero che li hanno seguiti in questo bel percorso.

Primi di Toscana, prossime tappe a Grosseto, Barga e Cortona

Primi di Toscana, prossime tappe a Grosseto, Barga e Cortona

FIRENZE – La sfida “Primi di Toscana”, riservata agli allievi degli istituti alberghieri toscani, è ormai entrata nel vivo. L’iniziativa, promossa dalla Regione, intende raccontare il territorio attraverso i primi piatti della tradizione regionale esaltando pappardelle e tortelli, minestre e zuppe, sia di mare che di terra.
Le scuole in gara, in questi giorni, stanno selezionando i piatti che eseguiranno venerdì 11 maggio alla prova finale che si terrà all’Istituto alberghiero Saffi di Firenze. Ogni istituto, difatti, dovrà presentare un primo piatto tipico del territorio che rappresenta.

Oggi a Pisa, all’istituto alberghiero Matteotti, la giuria tecnica e quella popolare hanno deciso di mandare alla finale dell’11 maggio ‘la zuppa toscana nel raviolo’. Una innovazione originale di un piatto povero rivisitato in modo elegante e appetibile. Una sfida di elevata qualità apprezzata da un team di giurati del mondo enogastronomico che si è complimentata con gli organizzatori elogiando la scuola e suoi studenti per la professionalità dimostrata sia in cucina che nel servizio.

Lunedì prossimo, 26 marzo, saranno di scena i ragazzi e le ragazze dell’Istituto alberghiero Leolpodo II di Lorena di Grosseto. Alle 13, infatti, gli allievi della scuola grossetana “scenderanno in cucina” presso il Salone dei ricevimenti di via Meda. Il giorno successivo, martedì 27 marzo, gli allievi e le allieve dell’Istituto Pieroni di Barga, in provincia di Lucca, si esibiranno a partire dalle ore 11. E sempre martedì 27 marzo, dalle 12.30, ad individuare il piatto che porteranno alla finale di Firenze saranno gli allievi dell’Istituto Vegni di Capezzine di Cortona, in provincia di Arezzo, che effettueranno la loro performance nella sede di Centoia.

Nei prossimi giorni si cimenteranno ai fornelli, e nelle sale,gli studenti e le studentesse degli altri istituti che partecipano all’iniziativa lanciata dalla Regione Toscana e che ancora non sono “scesi in cambusa”.

Ecco l’elenco delle scuole partecipanti al concorso “Primi in Toscana” divise per territorio provinciale

Arezzo
Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Vegni (Capezzine di Cortona)
Firenze
Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Saffi (Firenze)
Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Buontalenti (Firenze)
Grosseto
Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Leopoldo di Lorena (Grosseto)
Livorno
Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Mattei (Rosignano Marittimo)
Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Foresi (Portoferraio)
Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Einaudi Ceccherelli (Piombino)
Lucca
Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Pieroni (Barga)
Istituto peri servizi alberghieri e della ristorazione Marconi (Viareggio)
Massa Carrara
Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Minuto (Marina di Massa)
Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Pacinotti (Bagnone)
Pisa
Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Matteotti (Pisa)
Pistoia
Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Martini (Montecatini Terme)
Siena
Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Artusi (Chianciano Terme)

Articolo originale: http://www.toscana-notizie.it/dettaglio-notizia/-/asset_publisher/mk54xJn9fxJF/content/primi-di-toscana-prossime-tappe-a-grosseto-barga-e-cortona

“Le religioni: queste sconosciute”. Il Matteotti incontra la Comunità Ebraica di Pisa

“Le religioni: queste sconosciute”. Il Matteotti incontra la Comunità Ebraica di Pisa

Da molti anni l’Istituto Alberghiero di Pisa “G. Matteotti” organizza eventi gastronomici legati al territorio in cui opera.

Nell’ambito del progetto “Le religioni: queste sconosciute” le classi 3 Enogastronomia A, 3 Pasticceria A, 3 Sala e Vendita B e 3 Accoglienza Turistica B si sono preparate e hanno realizzato un pranzo kasher.

I graditi ospiti della Comunità Ebraica di Pisa, guidati dal Presidente, dott. Maurizio Gabbrielli, insieme con il Dirigente Scolastico del Matteotti, prof. Salvatore Caruso e diversi docenti delle classi hanno verificato, consumando un pranzo nel rispetto delle regole alimentari ebraiche, l’alta professionalità e competenze acquisite nei mesi di preparazione all’evento.

Il menù offerto anticipava l’importante festa ebraica di Shavuot: gli alimenti più tipici quali latte, ricotta e miele hanno caratterizzato la prima parte del menù realizzato dagli alunni della classe 3 Enogastronomia A: Sformatino di spinaci e ricotta con radicchio e melagrana all’aceto balsamico e miele; Gnocchi alla romana con salsa aurora; Tortino di carciofi con concassè di pomodoro fresco e finocchi alla parmigiana.

Non potevano certo mancare i dolci tipici di Shavuot. Per chiudere in bellezza (perché oltre alla bontà anche l’occhio vuole la sua parte) gli alunni della classe 3 Pasticceria hanno proposto un tris di dolci: Malabi, Blinztes e Cassola.

Il Dott. Gabbrielli complimentandosi per il lavoro svolto dagli alunni ha sottolineato l’importanza di questi eventi, dove l’istruzione e la religione possono e devono interagire.

L’Istituto Matteotti è da anni protagonista su più fronti della costante ricerca di facilitare la conoscenza, l’integrazione, e la stessa partecipazione alla vita scolastica di molti alunni provenienti da altri paesi, di alunni con altre culture e religioni diverse.

L’accoglienza che caratterizza l’Istituto Alberghiero di Pisa sa rendersi visibile e concreta anche a tavola: sia per gli alunni che studiano e realizzano pranzi e cene, sia per i commensali. Non a caso, intorno ad un tavolo, meglio se imbandito e curato nel rispetto di chi osserva determinate regole, è più facile incontrarsi e conoscersi.

 

Scambio culturale e gastronomico con Le Havre

Scambio Le Havre

Dal 15 al 21 Ottobre la nostra scuola è stata coinvolta in un’attività legata ad un progetto Erasmus+ in Francia a Le Havre. La città di Le Havre è stata in gran parte ricostruita dopo i bombardamenti subiti durante la 2° guerra mondiale, moderna, dinamica e cosmopolita è stata la cornice perfetta per una settimana di scambio culturale e gastronomico all’insegna della tradizione legata all’innovazione, tema più che mai attuale in tutta Europa e in particolare in Italia. La scuola alberghiera Jules Le Cesne di Le Havre ci ha ospitati nei suoi locali moderni e attrezzatissimi per un’esperienza che rimarrà certamente nella memoria degli studenti che vi hanno partecipato. Le 8 delegazioni coinvolte hanno portato un piatto simbolo, per tipicità e per materia prima, del loro paese d’origine, realizzando dei workshop fra tutti i partecipanti in modo da trasmettere le conoscenze culinarie a tutti i partecipanti, così i ragazzi turchi si sono ritrovati coinvolti nella preparazione dei tortelli, mentre gli italiani nella preparazione di un piatto spagnolo e così via. Incontri più teorici sulle tradizioni gastronomiche, visite a strutture d’eccellenza nel campo dell’ospitalità locale e degustazioni guidate di prodotti tipici locali hanno fatto da contorno ad un’esperienza basata sullo scambio e sulla cultura della gastronomia. Il ritorno in Italia, non senza qualche dispiacere per i ragazzi che lasciavano nuovi amici, è stato tutto all’insegna dell’attesa per il nuovo incontro che si terrà in Italia in primavera!